You know who

THRILLER – 2018 –444 pp.

Titolo originale: Cokolwiek wybierzesz

Autore: Jakub Szamałek

Presentazione

Un omicidio mascherato da incidente. Una giovane donna fragile e forte allo stesso tempo. L’illusoria sicurezza del web. Ingredienti ideali di un thriller innovativo e ad alta tensione, che sembra fantascienza ma non lo è affatto.

Fattori di vendita

  • Una protagonista femminile originale e autentica, difficile da dimenticare.
  • I grandi temi di internet sullo sfondo, dalla sicurezza dei dati al revenge porn al deep web.
  • Ritmo micidiale, colpi di scena e tensione narrativa sempre alta dalla prima all’ultima pagina.
  • L’ esordio di una trilogia premiato dal pubblico e dalla critica in Polonia.
  • Diritti per la resa cinematografica venduti e secondo volume in attesa per il prossimo autunno.

Descrizione

Varsavia. Una mattina qualsiasi, nel traffico dell’ora di punta un’auto accelera improvvisamente e si schianta a gran velocità contro il guardrail. L’uomo alla guida muore sul colpo e la notizia rimbalza velocemente sui giornali online, specie quelli di gossip. La vittima del tragico incidente è infatti Ryszard Buczek, presentatore di un programma per bambini leggendario negli anni Novanta. Tra quelli che rilanciano le foto dell’incidente c’è Julita, giornalista giovane e ambiziosa, ma bloccata nella redazione di un portale dove contano solo le visualizzazioni. E quindi anche lei si piega al clickbaiting all’inizio, ma la storia di Buczek assume presto dei contorni strani. La dinamica dell’incidente è improbabile e un suicida avrebbe scelto un modo meno violento per farla finita. Sembra impossibile, ma… se qualcuno avesse guidato l’auto a distanza? Julita inizia un’indagine privata che per lei diventerà un tunnel pieno di insidie e di nemici potenti, capaci di rovinare la vita di chiunque muovendo le dita sulla tastiera di un laptop. Non si arrende, ma si accorge presto di avere mosso le pedine di un gioco al quale non sa giocare e nonostante lavori sul web ogni giorno non ne conosce le insidie. Così un hacker prima la minaccia e poi diffonde delle sue vecchie foto osé mai cancellate dall’hard disk. Nel giro di poco la ragazza perde il lavoro, ma soprattutto la tranquillità e la fiducia nelle persone che ha attorno, soprattutto visto che l’hacker non si ferma lì e mette a repentaglio la vita di Julita, quella della sua famiglia e persino un aereo pieno di ostaggi. Il tutto sullo sfondo del deep web dove la figura dell’amato Buczek assume contorni oscuri nella cornice della pedopornografia online.

Fin dove può spingersi un’indagine? Quanto siamo sicuri dei nostri dati in rete? Né Julita né i lettori potranno evitare queste domande. E indignarsi o cambiare ogni password potrebbe non bastare come risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *