fbpx

I bestseller Empik 2019

La catena di librerie Empik è la più grande attualmente presente in Polonia, con circa 200 punti vendita sparsi sul territorio nazionale e in Ucraina.

In un Paese dal lungo passato socialista come la Polonia, le librerie indipendenti sono relativamente poche perché poche in proporzione sono le piccole attività imprenditoriali. Empik è dunque un attore fondamentale del mercato del libro polacco, con una presenza che sfiora il monopolio.

Per questo motivo, i premi Empik Bestseller meritano di essere presi sul serio al di là della loro presentazione, che poco ha del premio letterario e più somiglia a un gala televisivo. Assegnati ogni anno in base ai giudizi dei clienti e ai numeri delle vendite nei negozi della rete Empik e da empik.com, questi premi sono un’approssimazione più che dignitosa del mercato del libro polacco anno dopo anno. Gli organizzatori hanno comunicato che i voti presi in considerazione sono stati quasi 40 milioni.

Andiamo a vedere i risultati, categoria per categoria, con l’obiettivo di leggere insieme il mercato del libro polacco del 2019.

Premio Literatura piękna

A conquistare il premio nella categoria dei titoli più letterari è stato La ninnananna di Auschwitz dello scrittore spagnolo Mario Escobar, pubblicato in Italia da Newton&Compton, e uscito in Polonia per Wydawnictwo Kobiece. Il libro, la storia di una donna tedesca che decide di seguire il marito e i figli condannati ad Auschwitz perché di origine rom, ha fatto molto presa sui lettori polacchi e ha vinto in questa categoria arrivando davanti a grandissimi autori contemporanei come Michel Houllebecq.

Premio Literatura obyczajowa

La categoria dei libri di fiction più commerciale ha premiato Kolejne 365 dni (Altri 365 giorni), bestseller assoluto scritto da Anna Lipińska e pubblicato dall’editore Agora, sequel dell’altrettanto record di incassi 365 giorni (365 dni). Al centro della storia di questa fortunata saga, c’è la controversa e molto discussa storia di una giovane polacca che, durante una vacanza in Sicilia, viene rapita da un giovane capo mafioso che prima la tiene in prigionia e poi ne fa la sua compagna fidata. Dal libro sta per essere tratto un film di cui in Polonia già si parla molto, con giudizi radicalmente polarizzati.

Premio Kryminał/Sensacja/Thriller

La sezione più combattuta di tutte, dove tra i candidati troviamo nomi del calibro internazionale di Jo Nesbø e Camilla Läckberg ma anche l’autoctono e prolificissimo Remigiusz Mróz, è stata vinta dal romanzo La paziente silenziosa dell’americano di origine cipriota Alex Michaelides, pubblicato in Italia da Einaudi e in Polonia da Wydawnictwo W.A.B. (editore i cui autori polacchi Nova Books Agency rappresenta per l’Italia). La storia di Alicia Berenson, accusata di avere ucciso il marito, e del suo lungo confronto con lo psicologo Theo Faber ha veramente conquistato i lettori polacchi.

Premio Literatura dla dzieci

Non poca concorrenza anche per il premio dedicato agli autori di libri per l’infanzia, settore in cui la Polonia abbonda di autori di qualità e editori specializzati. L’onore della vittoria è andato allo scrittore e regista Andrzej Maleszka per l’undicesimo tomo della sua saga pubblicata da Znak, ormai praticamente un classico, dal titolo Magiczne drzewo (L’albero magico). In questo episodio, i giovani protagonisti devono viaggiare nel tempo fino alla preistoria per impossessarsi dell’unico farmaco che potrà salvare un amico malato. Ovviamente non sarà facile, in un mondo abitato da creature gigantesche e pericolose, fra tutte un feroce tirannosauro. La serie dell’albero magico, prodotta anche in forma televisiva, è valsa per Maleszka nel 2007 nientemeno che un Emmy Award.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *