Cracovia. Anno 1990. Il socialismo è finito da pochi mesi, ma sembra storia di un secolo fa. Tutto, in città, lo dimostra. Case ridipinte, auto occidentali, vestiti di colori sgargianti. E i cittadini hanno un unico obiettivo: fare soldi. Legalmente o meno.


La polizia, intanto, puzza di vecchio, puzza di Stato, puzza di socialismo. E non ha un soldo. Il commissario Kastor Grudziński dà la caccia ai banditi in tram, si allea con i bassifondi, combatte una nuova criminalità più cinica e contro il suo stesso passato.


Ce la farà?


Diritti per l'Italia disponibili Richiedi informazioni

Selling points

  • Nuovi scenari

    La Polonia degli anni ’90, i primi anni di libertà, la sbronza del capitalismo.

  • Autore affermato

    Dall’autore della trilogia political-fiction Invasione. Più di 500.000 copie vendute in Polonia.

  • Puro noir

    Una trama poliziesca su uno sfondo cupo, pieno di umorismo amaro e scenari drammatici.

Cosa ne ha detto la stampa

Un altro ingrediente di Kastor è il clima degli anni '90. Il cambio di sistema politico porta le sue enormi conseguenze: per le strade si aggirano brutti ceffi, il capitalismo gattona, i contrabbandieri la fanno da padrona, la polizia fatica a farsi rispettare.

Anna Rychlicka Myśli i słowa wiatrem niesione

Kastor è stato creato in un modo che non lascia indifferenti di fronte alla sua ricerca di confronto con il passato, alla sua insonnia cronica e alla sua ricerca di affetto. Il mistero della sua infanzia difficile, i sogni sul nonno Remus al faro e la fede nel suo ruolo di servizio come poliziotto, lo rendono un personaggio veramente genuino e originale.

Alicja Klebba Next door Alice